Samuele Garritano - Ingegnere Industriale | Caldaia a Condensazione o tradizionale?
1
post-template-default,single,single-post,postid-1,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Caldaia a Condensazione o tradizionale?

Caldaia a Condensazione o tradizionale?

La classica domanda che realizza l’idraulico dopo aver elencato una serie di motivi per il quale la vecchia caldaia ha finito la sua ora dopo anni di onorato servizio, e la seguente:

Caldaia a Condensazione o tradizionale?

La tua rassegnazione è tale da dover trovare una opportuna e veloce soluzione… l’idea di passare l’inverno al freddo, lavandosi con acqua a temperature prossime allo zero, annulla tutti i tuoi pensieri e decidi senza realizzare nessuno studio economico il preventivo più basso.

La fretta gioca un ruolo fondamentale sotto questo punto di vista e senza competenze rischiamo di perde soldi a lungo termine.

Perché questo? Visti i tempi, gli installatori tendono a realizzare preventivi bassi pur di conquistare il cliente, ma una giusta valutazione in termici di risparmio energetico visti gli aumenti in bolletta del gas sono doverosi da realizzare.

Rispondendo alla domanda del nostro post, la risposta da dare è senz’altro “CALDAIA A CONDENSAZIONE”

Sappi che per effetto della direttiva europea ERP 2009/125/CE,  le caldaie tradizionali non potranno esser più fabbricate, ma non scatta al momento nessun obbligo di vendita per chi ne ha ancora qualcuna in magazzino.

Il risparmio di una caldaia a condensazione è difficile da quantificare, di conseguenza anche il ritorno economico dello stesso, ogni sistema va analizzato nei dettagli per dare una quantificazione reale del possibile risparmio prodotto.

Per questo diffidate da chiunque vi propina una X % di risparmio senza sapere la tipologia impiantistica che andrà a servire la nuova caldaia.

Immagino che arrivati a leggere fino a questo punto le idee continuano ad esser sempre più confuse.

Vediamo se spiegando tecnicamente la differenza delle due caldaia riusciamo a chiarire le idee:

Le caldaie tradizionali

Le caldaie tradizionali, comunemente chiamati anche “ad alto rendimento”, riescono ad utilizzare solo una parte del calore dei fumi prodotti durante il processo di combustione. Il vapore acqueo prodotto dalla combustione viene quindi disperso nell’atmosfera attraverso il camino. Si riescono a raggiungere così, solo  rendimenti che vanno dal 88 al 91 %

Le caldaie a condensazione

Le attuali caldaie a condensazione possono, a differenza delle tradizionali, recuperare buona parte del calore espulso tramite i condotti fumari. I sistemi a condensazione consentono di raffreddare i fumi della combustione,  fino a farli tornare allo stato liquido con conseguente recupero di calore utilizzato per preriscaldare l’acqua di ritorno dell’impianto, permettendo così di riscaldare in caldaia, acqua in ingresso giù preriscaldata, tale tecnologia riesce cosi ad esser di impatto al rendimento finale arrivando anche al 110 %*

* per molti la domanda che sorgerà nella propria testolina sarà : rendimento superiore al 100 % ?? O.o … la risposta a tale domanda la realizzerò in un nuovo post!

La caldaia a condensazione in pratica riesce a condensare i vapori di combustione soltanto lavorando a temperature più basse delle attuali caldaie convenzionali, pertanto il maggior risparmio si ha abbinando tali sistemi ad impianti che necessitano di temperature acqua di mandata intorno a 35/40°C come ad esempio impianti a pannelli radianti.

Non dobbiamo dimenticare che con gli Ecobonus 2018, dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, i contribuenti, che intendono sostituire l’impianto di climatizzazione invernale con una caldaia a condensazione, possono contare su due percentuali di detrazione IRPEF diverse: una al 65% o al 50%:

  • detrazione 65%: se si installa una caldaia a condensazione di classe A con contestuale istallazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
  • detrazione 50% se si istalla una caldaia a condensazione di classe A;

Arrivando alla fine del post, consapevole adesso delle differenze tra le due caldaie e gli attuali Ecobonus 2018, il consiglio rimane sempre orientato all’acquisto di una caldaia a condensazione, qualora siate incerti nel decidere che strada intraprendere e comprendere ritorni economici oppure i vostro impianto è tale da poter configurarsi con sistemi ibridi a pompa di calore, contattami attraverso il seguente link, oppure contattami al seguente numero di cellulare: +39 347 9444106.

No Comments

Post A Comment