Samuele Garritano - Ingegnere Industriale | Consumi gas in SMC ? ma che roba è??
15503
post-template-default,single,single-post,postid-15503,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Consumi gas in SMC ? ma che roba è??

Consumi gas in SMC ? ma che roba è??

Leggendo il retro della nostra bolletta, ci imbattiamo spesso in termini, acronimi e unità di misura a noi sconosciuti, uno fra questi, tra l’altro di notevole importanza è l’unità di misura SMC “ Standard al metro cubo”.

Perché questa SMC e non MC ( metri cubi ) ? la spiegazione è tutta scientifica, il volume del gas varia a seconda della temperatura e della pressione atmosferica a cui è sottoposto, ciò significa che un 1 metro cubo di gas produce una quantità di energia diversa se consumata ad esempio a Capri a livello del mare rispetto ad esempio a di un consumatore che abita in Valle Da Osta.

Per far si che tutti paghino a parità di energia consumata, è stato quindi deciso di adottare una conversione per misurare il gas nelle seguenti condizioni :

  • pressione: 1.013,25 millibar;
  • temperatura: 15 °C.

Per trasformare i nostri consumi in mc a smc ( quindi con temperatura e pressione visti sopra ), utilizzeremo un coefficiente C di conversione.

Per chiarire il tutto facciamo un semplice esempio:

se il consumo misurato dal contatore è pari a 110 mc ed il valore del coefficiente C è 1,02744, allora i metri cubi standard fatturati saranno: 100 x 1,02744= 102,744 Smc

 

Scorrendo la bolletta troverai il valore del tuo coefficiente C, ogni località ha il suo coefficiente C definito dall’ AEEGSI (l’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico).

No Comments

Post A Comment